Vuoi aprire un’attività commerciale ma non hai le idee chiare su quali prodotti orientarti?

Il tuo budget da investire per avviare un’impresa è ridotto?

Se la risposta a queste domande è affermativa, aprire un negozio di detersivi può essere una buona idea!

Si tratta infatti di un business che non richiede grossi investimenti e nemmeno lunghe e complicate trafile burocratiche…

Leggi questo post fino in fondo e capirai perché.

Sei pronto?

Partiamo…

Perché aprire un negozio di detersivi

Diciamo la verità: oggi la maggior parte delle persone preferisce fare i propri acquisti nei supermercati o nei centri commerciali.

Questo essenzialmente per due motivi: perché trova un’ampia scelta di prodotti e perché generalmente i prezzi sono più convenienti.

Quando invece si preferisce acquistare nei negozi?

Quando un negozio si specializza e offre uno o più prodotti che solitamente non è facile trovare.

Se quindi pensi che la tua strada sia quella di aprire un’attività commerciale, sarà bene che tu tenga presente questo principio basilare.

Specializzarsi è l’idea vincente per creare un business di successo!

Attenzione però: non basta affittare un locale e riempirlo di detersivi.

Anche i centri commerciali e i supermercati offrono questo tipo di prodotto, a cui sono dedicate intere corsie di scaffali.

E allora? Allora si tratta di capire che cosa puoi offrire tu che altri non offrono.

Per esempio puoi decidere di aprire un negozio di detersivi industriali, cioé detergenti che vengono utilizzati per il lavaggio di automezzi o per le pulizie negli alberghi e nei ristoranti.

Oppure puoi scegliere di avviare un’attività specializzata nella vendita di detergenti alla spina ed ecologici. 

Sono due idee entrambe valide, pur essendo molto diverse tra loro.

Per decidere quale scegliere (ovviamente si tratta di esempi, che non escludono altri tipi di specializzazioni) sarà importante valutare anche il luogo in cui apri l’attività e il tipo di clientela a cui pensi di rivolgerti.

Come aprire un negozio di detersivi

Ti dicevo all’inizio che aprire un negozio di detersivi è abbastanza semplice.

Non richiede infatti particolari attrezzature e nemmeno competenze tecniche specifiche se non una certa attitudine alla vendita e la capacità di relazionarsi con i clienti.

Naturalmente dovrai conoscere i prodotti per poter consigliare al meglio i tuoi acquirenti.

Impegno, determinazione e voglia di imparare sono qualità indispensabili per chiunque voglia mettersi in proprio, unite a un pizzico di umiltà.


SCARICA IL MIO EBOOK GRATUITO

“I 7 Errori da NON Fare per Avviare un Business di Successo!”


Fare impresa, indipendentemente dal settore in cui si opera, richiede delle conoscenze di economia e di marketing che non sempre si possiedono e si ha tempo o voglia di acquisire.

In questo caso è bene rivolgersi a degli specialisti che sapranno consigliarti per il meglio e supportarti nel tuo percorso di business.

Nei prossimi paragrafi ti spiegherò punto per punto quali sono gli adempimenti e i requisiti per aprire un negozio di detersivi, oltre alla possibilità di ottenere finanziamenti e agevolazioni.

Cosa serve per aprire un negozio di detersivi

Innanzitutto devi avere chiaro se vuoi aprire un negozio fisico oppure online.

Non è una scelta facile, perché dipende da vari fattori, dalla tua predisposizione personale ma anche dalla località in cui risiedi e dove presumibilmente dovresti aprire la tua attività.

L’e-commerce, ovvero la vendita attraverso un sito web, in Italia nel 2016 ha sfiorato i 20 miliardi di euro.

Non molto se paragonato al mercato europeo (oltre 500 miliardi) e mondiale (2.000 miliardi).

Inoltre nel nostro Paese il commercio online è concentrato in alcuni settori specifici come il turismo e l’informatica/elettronica di consumo, mentre tra i settori emergenti troviamo l’arredamento/home living e il food/grocery.

Attualmente quindi guadagnare con internet in Italia non è facile, ma per il futuro si prevede uno sviluppo notevole dell’e-commerce.

Per questo tra i miei post ne trovi uno in cui spiego come aprire un negozio online e che ti consiglio di leggere.

Se però non hai molta dimestichezza con le tecnologie potresti puntare sull’apertura di un negozio fisico.

In questo caso quello che ti serve è innanzitutto un locale dove mettere in mostra i tuoi prodotti e dove ricevere i clienti che sia ben posizionato (più avanti tratterò nel dettaglio questo aspetto).

L‘arredamento richiesto è piuttosto essenziale: alcuni scaffali e un bancone con cassa, oltre eventualmente agli erogatori nel caso decidessi di aprire un negozio di detersivi alla spina.

Quanto costa aprire un negozio di detersivi

Per poter calcolare i costi di avvio dell’attività bisogna sapere esattamente a quale specializzazione pensi di dedicarti e in quale località vuoi aprire il tuo esercizio. I costi di acquisto o di affitto degli immobili variano notevolmente da città a città e tra aree urbane e piccoli centri.

Anche le dimensioni influiscono: aprire un piccolo negozio di detersivi sicuramente richiede un investimento minore rispetto a un’attività più grande e con prodotti diversificati.

In ogni caso tra i costi di avvio dovrai inserire le spese di iscrizione alla Camera di Commercio e la parcella del commercialista.

Tra le spese di gestione ricorda di calcolare, oltre all’eventuale affitto, le bollette di luce e acqua, le tasse da versare all’erario, i contributi all’Inps e la parcella di un esperto in marketing per la promozione dell’attività.

Quindi, ti starai chiedendo, quanto è l’investimento per aprire un negozio di detersivi?

Approssimativamente si può dire che il budget necessario varia tra i 20.000 e i 30.000 euro.

Ma per un calcolo più preciso il consiglio che ti do è quello di stendere un business plan, cioé un documento dove mettere nero su bianco il tuo progetto d’impresa specificando i costi e i ricavi che prevedi di avere nei primi tre anni di attività. Per facilitarti ho scritto un post in cui spiego esattamente come fare un business plan vincente in 10 mosse.

Se non disponi di alcun capitale e non hai parenti o amici che possano darti un aiuto almeno per iniziare, puoi pensare di ricorrere a dei finanziamenti a fondo perduto o agevolato messi a disposizione dell’imprenditoria giovanile e femminile dagli enti pubblici. In questo caso ti consiglio di leggere l’articolo dedicato a come trovare finanziamenti a fondo perduto.

Un’altra possibilità è quella di aprire un negozio di detersivi in franchising. In questo caso sarai avvantaggiato dal supporto che il franchisor potrà darti per l’avvio dell’attività e anche i costi saranno inferiori.

come aprire un negozio di detersivi

Normativa e requisiti per aprire un negozio di detersivi

Se hai letto il post fino a qui dovresti avere un’idea più precisa dell’attività che stai per intraprendere.

Ora vediamo quali sono i requisiti e i documenti necessari per aprire un negozio di detersivi alla spina.

Ti dicevo che in questo caso l’iter burocratico è un po’ più snello rispetto ad altri tipi di imprese.

I detersivi infatti non richiedono particolari accorgimenti per la manipolazione e la conservazione come per esempio nel caso degli alimenti.

Di conseguenza non necessitano di autorizzazioni specifiche da parte dell’Azienda Sanitaria Locale.

Come per qualsiasi impresa commerciale però, dovrai compiere alcuni adempimenti. 

Innanzitutto dovrai segnalare l’apertura dell’attività al Comune di residenza.


SCARICA IL MIO EBOOK GRATUITO

Scopri i 7 Errori da NON Fare per Avviare un Business di Successo!


Solo nel caso in cui il locale in cui è ubicata l’attività superi i 150 metri quadrati (Comuni con meno di 10.000 abitanti) o i 250 metri quadrati (Comuni con più di 10.000 abitanti) sarà necessaria una specifica autorizzazione dell’ente comunale che dovrà dare risposta entro 90 giorni.

Trascorso questo periodo, se l’amministrazione non avrà dato alcuna comunicazione, l’autorizzazione si intende comunque concessa.

Altri adempimenti da compiere sono l’apertura della partita Iva (a questo proposito ti consiglio di leggere il mio post su come fare per aprirla), la comunicazione di inizio attività all’Agenzia delle Entrate, l’iscrizione all’Inps e all’Inail. 

Nel caso si voglia intraprendere l’attività in forma societaria occorre innanzitutto capire quale è la forma più idonea tenendo conto della tipologia, del numero dei soci, del volume d’affari previsto.

Come aprire un negozio di detersivi di successo: idee di business

La parola magica in questo caso è specializzazione. 

Non ha senso vendere qualcosa che si può trovare facilmente e più a buon mercato altrove, sei d’accordo?

Il trend che oggi va per la maggiore è quello di aprire un negozio di detersivi sfusi o alla spina.

Perché?

Per due motivi…

Innanzitutto perché eliminando il contenitore si può risparmiare sui costi.

In secondo luogo perché in questo modo si favorisce anche l’ambiente, che beneficerà di una minore quantità di plastica da smaltire.

Per accentuare questo aspetto, apprezzato soprattutto da una clientela informata e sensibile alle tematiche ambientali, potresti offrire prodotti ecologici che oggi sono sempre più apprezzati e richiesti.

Aprire un negozio di detersivi biologici può essere una buona idea anche perché l’investimento iniziale è davvero ridotto!

Naturalmente ci possono essere anche altri tipi di specializzazione, come per esempio quello che già ti accennavo dei detergenti industriali.

L’importante è studiare il mercato del settore e la concorrenza, per capire se ci sono nicchie che ancora restano scoperte.

Un’altra idea per realizzare un business di successo è quella di abbinare alla vendita dei detergenti altri articoli affini come per esempio elettrodomestici e casalinghi.

In questo caso ovviamente il negozio dovrà avere dimensioni maggiori e anche l’investimento iniziale sarà più oneroso.

Dove aprire un negozio di detersivi

La scelta della location è senz’altro molto importante per un’attività commerciale.

Da evitare nel modo più assoluto, aprire un’attività nelle immediate vicinanze di un’altra impresa simile.

Ti sembra ovvio? Beh, non è così. Mi è capitato più volte di vedere negozi operanti nello stesso settore a pochi metri di distanza l’uno dall’altro!

Ti consiglio quindi di osservare molto bene la zona in cui pensi di aprire la tua attività, informandoti sul tipo di persone che la frequentano.

Saranno i tuoi futuri clienti, è importante conoscere i loro gusti e le loro abitudini, non credi?

Non trascurare poi di verificare la presenza di un numero adeguato di parcheggi e, in caso il negozio si trovasse in una grande città, è importante anche che la zona sia ben collegata con i mezzi pubblici.

Come promuovere l’attività

La promozione dell’attività è un aspetto fondamentale!

Non deve trarti in inganno il fatto che l’abbia lasciato quasi per ultimo.

Non è un accessorio, è essenziale far conoscere ai tuoi potenziali clienti il fatto che ci sei e i prodotti che proponi.

L’analisi della potenziale clientela è quella che ti deve guidare nella scelta dei mezzi più adeguati per promuoverla.

In Italia attualmente sono ancora le donne in maggioranza a eseguire i lavori domestici, in particolare quelli relativi al lavaggio e alla stiratura degli indumenti e alla pulizia degli ambienti.

Il tuo target quindi sarà prevalentemente femminile.

Questo però non basta. Sono donne giovani o anziane? Sono tradizionali o innovative negli acquisti? Si informano prima di acquistare o si fidano dei consigli del venditore?

Una volta capito chi sono e cosa vogliono i tuoi clienti, è importante fare un vero e proprio piano di marketing per stabilire quali sono i canali promozionali migliori da utilizzare.

Oggi le tecnologie offrono un grande aiuto, ma utilizzarle bene non è affatto semplice!

Per questo è utile rivolgersi a un bravo professionista che sicuramente ti aiuterà a rendere visibile la tua attività e a battere così la concorrenza.

Quanto si guadagna con un negozio di detersivi

Ok, adesso però parliamo di guadagni. Chi avvia un’attività solitamente lo fa per fare soldi, non certo per beneficenza!

Diciamo che le potenzialità di questo business dipendono molto dal fatto che, a differenza di altri, i costi di avvio e di gestione non sono particolarmente alti e quindi i margini di guadagno sono maggiori.

Molto dipenderà anche da quanto riesci ad attrarre la clientela e a fidelizzarla. Rileggi il paragrafo precedente, è fondamentale!

Devi riuscire a convincere i tuoi clienti che i tuoi prodotti sono proprio quello che cercano, che sono i migliori e magari anche più a buon mercato.

E una volta convinti, devi riuscire a farli tornare da te e a non emigrare verso altri lidi.

Difficile?

Sì, abbastanza.

Ma se seguirai i miei consigli e con l’aiuto dei professionisti giusti puoi farcela.

Conviene aprire un negozio di detersivi?

Ma allora, in conclusione, conviene aprire un negozio di detersivi?

La risposta dipende innanzitutto dalle tue aspirazioni.

Se aspiri a grossi guadagni forse questa non è l’attività giusta.

Ma se il tuo obiettivo è quello di avere un’attività indipendente, che ti consenta di mantenerti e ti dia delle normali soddisfazioni, aprire un negozio di detersivi può essere una scelta azzeccata.

L’importante è che tu ci creda veramente e non improvvisi. Ricorda, l’improvvisazione è nemica del business!

Per questo ti consiglio di studiare bene la situazione e fare un piano accurato prima di investire anche 1 solo euro nella tua attività.

A questo proposito ho realizzato delle guide specifiche che ti aiuteranno passo dopo passo a realizzare davvero il tuo sogno!

Credo che alla base di qualsiasi progetto di successo ci sia sempre studio e dedizione.

Questa è la filosofia che mi ispira e che cerco di trasmettere a chi mi segue perché ne ho sperimentato io stesso l’efficacia.

Poi, certo, un po’ di fortuna non guasta…

In bocca al lupo!

Paolo

SCARICA IL MIO REPORT GRATUITO e Scopri i 7 ERRORI DA NON FARE per AVVIARE UN BUSINESS DI SUCCESSO
Share This