Dimentica l’immagine della vecchia signora che vende mazzolini di fiori a buon mercato!

Oggi aprire un negozio di fiori di successo significa avere una grande passione, ma anche una buona dose di conoscenze e tanta tanta creatività.

Perché se è vero che la crisi economica ha costretto molti a rinunciare a ciò che non è strettamente indispensabile, è altrettanto vero che  il settore del lusso gode di ottima salute. Chi può spendere non rinuncia a regalare fiori per gli anniversari, a decorare le chiese in occasione di matrimoni i funerali, ad abbellire con piante ornamentali i luoghi in cui si svolgono cerimonie o meeting aziendali.

Se quindi i fiori e le piante sono la tua passione, aprire un negozio di fiori può essere un’idea per creare un business di successo.

Devi però metterti nell’ottica, se già non l’hai fatto, di studiare e imparare.

La creatività sarà la ciliegina sulla torta, che renderà più bella e affascinante una base fatta di conoscenze e di informazioni.

Sei pronto a scoprire come realizzare il tuo sogno di avviare un negozio di fiori?

Si parte!

Perché aprire un negozio di fiori

Se l’idea di aprire un’attività mettendo a frutto la tua passione non è una motivazione sufficiente, allora aggiungici il fatto che aprire un negozio di fiori può anche farti guadagnare. Forse non riuscirai a diventare ricco, ma potrai comunque realizzare un business interessante.

E sai perché?

Non solo perché, come ti ho già detto, esiste una clientela con capacità di spesa che non rinuncia a rendere la propria o altrui casa o azienda più bella e accogliente, ma anche perché su questo tipo di prodotti il ricarico è davvero alto.

Certo, piante e fiori sono delicati e vanno trattati con le giuste attenzioni! Per questo ti consiglio, se non hai un diploma o comunque un titolo di studio specifico, di frequentare qualche corso che ti fornisca le necessarie competenze per far rendere la tua attività al massimo.

Le associazioni di categoria Assofioristi Federfiori organizzano entrambe corsi di formazione per chi vuole diventare fiorista professionista.

Come aprire un negozio di fiori

Aprire un negozio di fiori non presenta particolari difficoltà. Anche i costi per aprire un’attività di questo tipo non sono particolarmente alti.

Naturalmente molto dipende dalle dimensioni e dal genere di esercizio che vuoi realizzare.

Vedremo più avanti varie idee di business che corrispondono a diversi tipi di attività e conseguentemente a diversi costi per realizzarle.

Ma in generale, cosa si deve fare per aprire un negozio di fiori?

Continua a leggere e troverai tutte le informazioni necessarie su quali attrezzature e documenti servono e su quanto bisogna investire per aprire un negozio di fiori.

Cosa serve per aprire un negozio di fiori

Parliamo innanzitutto delle attrezzature.

Questo tipo di attività non richiede attrezzature particolari, a meno che tu non voglia anche avere un vivaio in cui coltivare i fiori e le piante che poi andrai a vendere.

Ma se ti limiti alla pura commercializzazione, un paio di cesoie per recidere i gambi dei fiori sono sufficienti!

Quello che è importante invece è che il negozio sia dotato di acqua per rinfrescare e di impianto di climatizzazione per tenere basse le temperature durante il periodo estivo. Alcune piante e la maggior parte dei fiori soffrono molto il caldo e il rischio, in assenza di opportuni accorgimenti, è quello di dover buttare la merce prima di venderla. Calcola comunque che avrai sempre una certa percentuale di scarto, questo devi purtroppo metterlo in conto.

Come arredare un negozio di fiori non è assolutamente un problema. Servono supporti per le piante e un banco con cassa, niente di più. Importante invece è avere una vetrina e un’insegna che attirino la clientela. Chi ama acquistare composizioni floreali solitamente è persona di buon gusto e molto attenta all’estetica.

Quanto costa aprire un negozio di fiori

Ovviamente i costi dipendono dalle dimensioni del locale e dal tipo di attività che si vuole avviare.


SCARICA IL MIO EBOOK GRATUITO

Scopri i 7 Errori da NON Fare per Avviare un Business di Successo!


Se ti limiti ad aprire una fioreria in uno spazio di pochi metri quadri i costi potrebbero aggirarsi sui 10.000 euro.

Un’alternativa un po’ più costosa ma più redditizia potrebbe essere quella di aprire un chiosco di fiori, ma funziona solo se questo è posizionato in luoghi “strategici” come per esempio nelle vicinanze degli ospedali dotati di un reparto maternità o nei pressi dei cimiteri.

L’investimento aumenta ulteriormente se punti ad aprire un’attività che si rivolge a una fascia alta di consumatori.

Se non disponi di grossi capitali puoi pensare di chiedere un microcredito o finanziamenti a fondo perduto o agevolato per l’imprenditoria giovanile e femminile.

Se vuoi approfondire l’argomento, in questo articolo trovi tutte le informazioni che ti servono per sapere a chi rivolgerti.

Esiste anche la possibilità di aprire un negozio di fiori in franchising.

In questo caso ti appoggerai a un marchio già conosciuto e presente sul mercato, avendo la possibilità di scegliere tra investimenti più o meno sostanziosi.

Per approfondire le informazioni sul franchising ti consiglio di leggere questo articolo dedicato a come aprire un franchising.

Normativa e requisiti per aprire un negozio di fiori

Come ti dicevo per aprire un’attività di questo tipo non è previsto un iter burocratico complicato.

La domanda che sicuramente ti starai facendo è: ma ci vuole la licenza per aprire un negozio di fiori?

Devi sapere che in seguito alla riforma del commercio realizzata nel 1998 sono state fatte delle modifiche che hanno liberalizzato questo settore.

Pertanto la licenza è necessaria solo se l’esercizio supera i 250 metri quadri di ampiezza nei centri con più di 10.000 abitanti, estensione che scende a 150 metri quadri se gli abitanti sono inferiori a quella soglia.

La procedura quindi è quella che deve essere seguita per qualunque esercizio commerciale che non metta in vendita prodotti alimentari.

Fondamentalmente consiste in una segnalazione di inizio attività da presentare nel Comune di residenza, corredata dalle prescritte certificazioni circa il possesso dei requisiti morali e professionali (questi ultimi se richiesti dallo specifico tipo di attività) e oggettivi (conformità urbanistica, edilizia, igienico-sanitaria e ambientale dei locali e/o attrezzature aziendali).

Entro 30 giorni dall’apertura del negozio dovrai inoltre iscriverti al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio.

Necessarie anche l’apertura della partita Iva presso l’Agenzia delle Entrate e l’iscrizione all’Inps.

aprire un negozio di fiori

Come aprire un negozio di fiori di successo: idee di business

E’ arrivato il momento di dare libero sfogo alla tua creatività.

Attenzione però a non farti prendere la mano! Un business di successo richiede di avere sempre i piedi ben piantati per terra: occhio quindi al mercato, alle nuove tendenze e ai tuoi concorrenti.

Per aiutarti ti do alcuni suggerimenti, ma sta a te poi scegliere in base alle tue preferenze e ai risultati delle indagini conoscitive che avrai fatto.

Un’idea sempre valida è quella di specializzarsi. Sai che in Francia esiste una catena di negozi che vendono solo ed esclusivamente rose? Il perché della scelta di questo fiore è facilmente intuibile. L’abbiamo visto in tanti film romantici, ma anche ai nostri giorni ti garantisco che nessuna donna resisterebbe a un enorme mazzo di rose rosse!

Altri tipi di specializzazioni potrebbero essere quelle di aprire un negozio di fiori finti oppure di fiori secchi. L’importante è diventare punto di riferimento per qualcosa che difficilmente si può trovare altrove.

Oppure potresti diventare il miglior negozio per composizioni floreali. In questo caso devi possedere fantasia e buon gusto, oppure, se non hai questo dono per natura, puoi ricorrere a corsi di specializzazione nel ramo. I tuoi clienti saranno non solo privati che si serviranno di te per cerimonie come matrimoni, battesimi e funerali, ma anche aziende e istituzioni. Questo amplia notevolmente la fascia della tua potenziale clientela, da parte tua saranno richieste capacità maggiori di saper trattare con persone di diverse tipologie e che rivestono diversi ruoli.

Se sei portato a pensare in grande e risiedi in una città almeno di medie dimensioni puoi orientarti verso un negozio di fiori e oggettistica tipo oggetti da regalo o arredi per cerimonie.

Un’idea che mi suggerisce una realtà di successo piuttosto famosa nella metropoli milanese è quella di abbinare la vendita di fiori a un’attività di ristorazione.

Come vedi ce n’è per tutti i gusti!

Dove aprire un negozio di fiori

Il luogo in cui aprire un’attività è molto importante e deve essere ben valutato prima di prendere una decisione.

In questo caso sono due fondamentalmente le opzioni da considerare.

La prima è quella di aprire un piccolo negozio o un chiosco: in questo caso è assolutamente indispensabile che sia posizionato nei pressi di un luogo di grande passaggio e possibilmente di ospedali, cimiteri e luoghi di culto. Attenzione che nelle vicinanze non si trovino supermercati e centri commerciali, che potrebbero essere temibili concorrenti in quanto vendono fiori e piante a poco prezzo.

La seconda è quella di aprire un esercizio di dimensioni abbastanza ampie e che punta a una clientela di fascia alta, sia privati che aziende o enti. In questo caso la location più adatta è la città di medie o grandi dimensioni, preferibilmente in zona centrale o comunque ben servita da parcheggi e mezzi pubblici.


SCARICA IL MIO EBOOK GRATUITO

Scopri i 7 Errori da NON Fare per Avviare un Business di Successo!


Se sei un tipo molto intraprendente potresti anche pensare di aprire un negozio di fiori all’estero, magari in una grande città come Londra o Parigi. In questo caso però devi sapere che ti troverai ad affrontare leggi e normative diverse dalle nostre oltre naturalmente a dover conoscere perfettamente la lingua locale.

Come promuovere l’attività

Se la tua scelta è quella minimale, ovvero la prima delle due che ti ho descritto, non dovrai fare molto per promuovere la tua attività. Basterà che il tuo negozio o chiosco sia posizionato bene, che sia ben visibile e ben tenuto.

Cordialità, sensibilità e cortesia con i clienti faranno il resto, tenendo presente che saranno in maggioranza persone che stanno vivendo momenti di particolari emozioni siano esse positive o negative.

Ma se la tua opzione è la seconda, oppure anche un negozio di fiori specializzato in una particolare nicchia di mercato, non potrai fare a meno di dedicare tempo e risorse finanziarie per promuoverla.

Come far conoscere la tua impresa ai potenziali clienti? Come battere la concorrenza che quasi sicuramente ti troverai ad affrontare?

Se la risposta fosse semplice, nessun negozio chiuderebbe. Ma purtroppo sappiamo che non è così!

A meno che tu non abbia competenze specifiche in proposito che ti consentono di fare un piano strategico di marketing, il consiglio è di rivolgerti a un bravo professionista che ti saprà aiutare nel migliore dei modi.

Trovare clienti è una faccenda estremamente complicata e per questo sono state studiate delle apposite tecniche. Meglio non rischiare con il “fai da te”.

A questo proposito ti consiglio di leggere attentamente tutti i contenuti contenuti nella mia guida strategica Da Zero a Ca$h – Come avviare un business di successo!

Quanto si guadagna con un negozio di fiori

Fare soldi è il tuo obiettivo vero? Certo, magari non l’unico, anche la soddisfazione e la crescita personale sono importanti…

Però è inutile nasconderlo, guadagnare serve per mantenersi, vivere con serenità e poter fare progetti per il futuro.

Aprire un negozio di fiori può offrire guadagni interessanti, ma il “quanto” dipende dal tipo di attività che pensi di realizzare.

Aprire un negozio di dimensioni medio-grandi con una clientela ampia e composita garantisce sicuramente più opportunità di guadagno sul lungo periodo, ma richiede un investimento iniziale maggiore.

Anche una piccola attività, se ben posizionata (e questo va continuamente sottolineato!), può essere interessante dal punto di vista del ritorno economico.

Conviene aprire un negozio di fiori?

Questa è la fatidica domanda che tutti si fanno quando si accingono ad avviare un’attività.

La risposta però non può essere un “sì” o un “no”, ma un dipende.

Aprire un negozio di fiori conviene se si tengono presenti tutti gli aspetti che ti ho fino a qui illustrato e se si intraprende un percorso che va calcolato e studiato in ogni sua fase.

Per questo ti raccomando di realizzare un business plan efficace, dove dovrai indicare con precisione i tuoi obiettivi e i risultati attesi a breve, medio e lungo termine.

E di studiare anche un piano strategico vincente che ti permetta di avviare con successo la tua attività partendo da zero!

Ti aspetta un duro lavoro, ma non scoraggiarti!

Un passo alla volta, e arriverai alla meta.

Un abbraccio,

Paolo

SCOPRI I 7 ERRORI DA NON FARE PER AVVIARE UN BUSINESS DI SUCCESSO
Share This